E-health: una tecnologia affidabile a servizio dei cittadini europei

0
554

Link all’articolo: https://www.researchitaly.it/progetti/e-health-una-tecnologia-affidabile-a-servizio-dei-cittadini-europei/#null

Kenneth ha sessantacinque anni, vive a Copenaghen e soffre di malattia polmonare cronica ostruttiva, oltre che di un’insufficienza cardiaca cronica. Progetta di trascorrere 10 giorni a Barcellona con la sua famiglia, ma è preoccupato per un possibile peggioramento delle sue condizioni fuori confine.

Kenneth può confidare che i dati generati da un qualsiasi possibile intervento clinico a Barcellona, compresi quelli provenienti dall’applicazione di mobile health che utilizza in auto-gestione, saranno trasmessi e registrati in modo sicuro nella sua cartella clinica, in Danimarca. Queste informazioni saranno, inoltre, strettamente condivise con lo specialista danese che si occupa di Kenneth, e che a distanza può seguirne il caso.

È questo un esempio dell’impatto sociale che il progetto Konfido, recentemente partito con un finanziamento di quasi 5 milioni di euro nell’ambito del Programma Horizon 2020, punta a generare. L’obiettivo è creare un paradigma per l’e-health condiviso a livello europeo superando le barriere nazionali tra i diversi sistemi.

Il progetto, di durata triennale, riunisce, sotto il coordinamento dell’azienda inglese Exus Software Ltd, un ampio numero di partner industriali e scientifici tra cui, per l’Italia, il Consorzio Interuniversitario Nazionale per l’informatica, le aziende Telbios e Bit4id, con sede rispettivamente a Milano e a Napoli, e la Fondazione Santobono Pausilipon.

Konfido punta a sviluppare una tecnologia sicura per l’immagazzinamento e lo scambio di dati utili nella gestione delle cure in modalità e-health, a livello nazionale e trans-frontaliero.

A questo scopo, il progetto adotta un approccio olistico, mirato a raggiungere tutti gli strati architettonici di un’infrastruttura informatica relativi all’archiviazione, diffusione, elaborazione e presentazione dei dati.

Le soluzioni saranno testate in un setup realistico, distribuito su un’infrastruttura cloud federata, in cui i dati saranno scambiati e i servizi interagiranno a livello trans-frontaliero.

I ricercatori raccoglieranno inoltre prove sperimentali per dimostrare che le soluzioni sviluppate offrono una protezione efficace anche contro gli attacchi da parte di software o utenti privilegiati.

 

Data pubblicazione 02/11/2017
Fonte Commissione Europea
Tag Salute