Il processo di marcatura temporale associa ad un documento informatico una data ed un orario precisi e legalmente validi.

La marca temporale può essere utilizzata sia su documenti informatici firmati digitalmente, sia su documenti che non recano alcuna firma digitale.

Nel primo caso, la marcatura temporale garantisce la validità della firma digitale anche dopo la scadenza, la sospensione o la revoca del certificato di firma, dimostrando che la stessa è stata prodotta in un momento in cui il relativo certificato era ancora valido, estendendo, in questo modo, la validità del documento firmato digitalmente.